Sostienici

Dona Ora

Newsletter

Rimani aggiornato

Cerca
Generic filters

Volontariato

Le ore che contano

Sostienici

Dona ora

Sportello Informazioni

Orientamento gratuito

Il clochard

 di

Pippo Musso

 

Sembrava di stare in Russia quel mattino d’inverno, il gelo della notte aveva trasformato la strada in una lastra di ghiaccio. Le poche persone che passavano a quell’ora presto del mattino erano coperte fino ai denti per non sentire il freddo trapanargli le ossa.

Io e la mia squadra  eravamo già sul posto di lavoro pronti per iniziare ad asfaltare un rappezzo di strada, mentre a pochi metri da noi una panchina dei giardinetti di Milano Lambrate ospitava  il sonno di un povero clochard che nonostante il gelo era vestito di stracci e avvolto da qualche sacco nero della spazzatura, che gli faceva da apparente riparo dalla notte gelida.

Sdraiato sulla panchina dormiva ancora e io pensavo “ Povero Cristo, chissà quanto freddo deve sentire su quella gelida panchina di questo piccolo giardinetto di Lambrate!” e mi domandavo cosa avrei potuto offrirgli di caldo. Inizio il mio lavoro stradale, ma anche se mi allontanavo non lo perdevo mai d’occhio. A quel povero disgraziato, cascasse il mondo, dovevo offrire almeno la  colazione, anche se sembrava non ne volesse sapere di svegliarsi, neppure con le cannonate: stava lì tranquillamente a riposare nonostante il rumore dei macchinari dei lavori stradali.

Ad un certo punto ho sentito arrivare a sirene spiegate  la croce rossa, la polizia e i carabinieri e li ho visti fermarsi proprio alla panchina di quel povero clochard!
Dalla confusione creata dai curiosi che correvano verso la panchina, ho capito quello che poteva essere  capitato: era morto di freddo.

Che pena mi ha fatto vederlo portar via cosi e pensarlo magari anche dimenticato dalla famiglia. Sì, proprio da quella famiglia che una volta sicuramente aveva vicino.

Ma un giorno si è ritrovato solo solo, come un cane abbandonato dal suo padrone.

 

Se viviamo dentro la realtà, liberi dall’indifferenza, ci incontriamo con le storie degli altri. E la nostra vita si arricchisce di esperienze su cui riflettere.