Sostienici

Dona Ora

Newsletter

Rimani aggiornato

Cerca
Generic filters

Volontariato

Le ore che contano

Sostienici

Dona ora

Sportello Informazioni

Orientamento gratuito

La visita di Attilio Fontana Presidente di Regione Lombardia

8 Ott, 2020

Fabrizio Annaro

Monza, 8 ottobre 2020. Ieri pomeriggio, mercoledì 7 ottobre 2020,  il Presidente di Regione Lombardia, Attilio Fontana, accompagnato dal Suo Vice, Fabrizio Sala, e  dall’Assessore allo Sport, Martina Cambiaghi, ha fatto visita alla RSD San Pietro Progetto SLAncio. Ad accoglierli Roberto Mauri, Direttore della Cooperativa La Meridiana e il team della struttura che ospita persone con SLA ed in Stato Vegetativo. Luigi Picheca e Pippo Musso, ospiti di SLAncio, hanno “letto”, grazie alla voce del computer,  un breve messaggio di saluto.

La visita di oggi, è una visita che mi ha arricchito –ha dichiarato Fontana – perché ho trovato una realtà incredibile, efficiente, capace di dare una risposta a chi si trova in condizione veramente difficili. In queste strutture ogni giorno si vivono i problemi che coinvolgono  tutti noi. I problemi di chi soffre, di chi è alla ricerca di un senso della vita dopo che questa è stata colpita da un trauma, da una brutta malattia. Il messaggio che ho recepito è che, grazie alla vostra passione, alla vostra positività, siete riusciti a costruire una vita dignitosa ed accettabile  per le persone che si trovano in grave difficoltà.”

A queste parole si sono aggiunte quelle di Fabrizio Sala Vice Presidente di Regione Lombardia il quale ha osservato che “Meridiana va oltre la sussidiarietà perché è un’organizzazione all’avanguardia sempre alla ricerca dello strumento migliore per rispondere all’esigenze di alcune categorie di malati. Da questo punto di vista Meridiana è una “scuola”, per Regione Lombardia. Riguardo al Paese Ritrovato, abbiamo in corso con Meridiana un’importante sperimentazione che, se andrà bene, sarà applicata a tutto il territorio lombardo.”

Oltre ad Attilio Fontana al suo Vice e all’Assessore allo Sport, presenti anche Marco Trivelli Direttore Generale Welfare di Regione Lombardia e Silvano Casazza Direttore ATS Brianza. Ad accogliere il Presidente anche una qualificata delegazione di donatori di Meridiana e del Paese Ritrovato guidata da Giovanna Forlanelli, Silvano Fumagalli e Claudio Bescapè.

Video interviste e dichiarazioni al link: 

https://photos.app.goo.gl/9Z7vi1g4uAaPa4r87

Comunicato Stampa La visita di Attilio Fontana 07ott2020

Andrea Magnoni, Neurologo e Direttore Sanitario del Centro,  ha presentato il servizio di assistenza ricordando che circa il 10% delle persone in Stato Vegetativo, che vivono a SLAncio, mostra un lieve risveglio dello stato di coscienza. Mauri ha precisato, inoltre, che in collaborazione  con l’Istituto Mario Negri è partita un’attività di monitoraggio al fine individuare i risultati di Progetto SLAncio.

Oltre ad Attilio Fontana al suo Vice e all’Assessore allo Sport, presenti anche Marco Trivelli Direttore Generale Welfare di Regione Lombardia e Silvano Casazza Direttore ATS Brianza. Ad accogliere il Presidente anche una qualificata delegazione di donatori di Meridiana e del Paese Ritrovato guidata da Giovanna Forlanelli, Silvano Fumagalli e Claudio Bescapè

Il Messaggio di Luigi Picheca

Illustre Sig. Presidente Fontana,

nel darle il benvenuto a nome dei miei amici che abitano in questa residenza, vorrei esprimerle la mia gratitudine per l’impegno che la Regione Lombardia, da lei presieduta, continua a profondere per sostenere noi malati e le Aziende che si prendono cura di noi, come quella della Meridiana in cui ci troviamo. La nostra Residenza, moderna e avanguardistica, rappresenta di certo una eccellenza nel nostro campo, e proprio per restare una eccellenza non deve regredire nella offerta di servizi essenziali per il nostro benessere che i numerosi tagli a questo settore hanno progressivamente ridotto togliendo disponibilità economiche e quindi personale.

Non è facile far capire a chi non condivide le nostre realtà cosa significhi vivere nella totale immobilità e prigionieri di un corpo che non risponde più e per questo le sono immensamente grato per aver trovato il tempo per venire a conoscere il nostro mondo. Io vivo qui da dodici anni e ho conosciuto decine di persone eccezionali e dal cuore sensibile e generoso che  si adoperano per noi a seconda delle proprie capacità. Spero di poter contare sulla sua disponibilità per aggiungere anche il suo illustre nome alla mia pregiata lista. Prima di rivolgerle i miei saluti vorrei fare presente l’importanza della gratuità della nostra degenza che ci solleva dalle preoccupazioni nei confronti delle nostre famiglie che altrimenti si troverebbero costrette a impegnare o addirittura a vendere casa pur di pagare la retta a noi.

E sono orgoglioso di aver contribuito a questa conquista ottenuta circa dieci anni fa col fondamentale sostegno di mia moglie, di una associazione a cui mi ero rivolto e al dott. Melazzini che mi ha accompagnato Regione e ha esposto le nostre richieste. Se avessi dovuto continuare a pagare la retta avrei preferito rinunciare a vivere pur di non esporre la mia famiglia a gravi rinunce.

La ringrazio vivamente per aver ascoltato le mie parole e la saluto cordialmente. Se avrà voglia di sfogliare il mio libro con la raccolta dei miei pensieri scoprirà che dentro di noi pulsa sempre un cuore pieno di energia e di vitalità e questo grazie alla Regione Lombardia che ci garantisce un tenore di vita dignitosa.

Il messaggio di Pippo Musso

La SLA è una malattia che arriva all’improvviso e stravolge la vita. La stravolge a tal punto che si pensa di farla finita. L’ho provato sulla mia pelle! Ero appena andato in pensione dopo una vita di lavoro pesante come asfaltista ed ero pronto a godermi i nipotini, a fare cose belle con la mia famiglia e a passeggiare nella natura, quando mi è venuta a trovare la SLA !  

Ti salvano le persone che ti circondano, che ti amano e ti incoraggiano a non sentirti solo, le strutture che ti aiutano a vivere. Il percorso è lungo e difficile, ma viene un momento in cui si finisce di sentirsi vittime di un’ingiustizia e si accettano quei limiti che apparivano impensabili. Sono contento di essere presente a questa visita così importante perchè è l’occasione anche per me di dire cose importanti. 

Per esempio, dire che quando qualcuno si prende effettivamente cura di te e ti offre occasioni stimolanti per vivere la quotidianità riprovando il gusto della vita, permettendo di  tenere vicini gli affetti e dandoti possibilità di essere occupato in attività speciali, come la scrittura,  ti senti rivivere e sviluppi abilità nuove. Mai avrei pensato di innamorarmi di un computer e di scrivere un libro che mi ha permesso di riflettere e valorizzare la mia vita. E mai avrei pensato di diventare redattore di un giornale mensile  – che abbiamo chiamato Scriveresistere – e ci tiene impegnati, attenti e presenti nella realtà. Un progetto che ci fa uscire dall’immobilità e sentire liberi, in movimento!

Quello che vi sto dicendo è qui da vedere, anzi, vi prego di accettare in regalo il mio libro “Ci vediamo tra cent’anni” e vi invito a sfogliare qualche numero del giornale,che sta diventando la nostra finestra sul mondo! 

Grazie! 

Sei un giornalista?

Contatta l’Ufficio Stampa della Cooperativa La Meridiana:

Fabrizio Annaro
Telefono: 334 65 60 576
E-mail: fabrizio.annaro@gmail.com

Sostieni i progetti della cooperativa la meridiana
Fai una donazione tramite:

➤ Conto corrente postale n. 2313160

 Bonifico bancario intestato a La Meridiana Società Cooperativa Sociale
IBAN: IT87N0521601630000000003717

 Donazione online, con carta di credito, QUI

Per informazioni contatta l’Ufficio Raccolta Fondi:

Rita Liprino
Telefono: 346 517 90 93
E-mail: rita.liprino@cooplameridiana.it 

ALTRI COMUNICATI