Viale Cesare Battisti 86
20900, Monza (MB)

Scrivere fa ri-esistere

30 Ott 2019

Dopo quasi trent’anni posso tornare indietro a “rivedere” mio padre

di Katia Mariconti

 

Da circa due mesi mio padre era tornato da un esilio forzato. Sembravamo una famiglia felice, come se nulla fosse successo.

Quella mattina di Natale, ci siamo messi in marcia per andare dai nonni a Mirandola, città natale del famoso Pico della Mirandola. A pensarci bene, era nato lo stesso giorno e mese di mio padre e morì molto giovane.  I nonni ci aspettavano per pranzo. Nonno Cesare, padre di mia madre, si era risposato con Mafalda, nonna Mafalda come la chiamavo, anche se non è mai stata interessata al titolo.

L’auto di papà era nuova di pacca, comprata con un finanziamento, accessoriata e di un colore blu acceso. Mi piaceva molto.

L’autostrada era vuota, circolavano poche auto, un silenzio strano, forse era il mio silenzio, forse avrei voluto restare a casa, non saprei. L’atmosfera era un po’ pesante, nessuno di noi parlava, addirittura Vittoria dormiva con la testa sopra le mie ginocchia.

La nostra prima sosta in autogrill  fu l’ultima, per un caffè, una sgranchita alle gambe. Ricordo il verde intorno, le fronde degli alberi che seguivano il vento, l’aria fresca inebriante anche se il freddo si faceva sentire.

Mi fermai alla macchinetta stampa biglietti da visita. Provai a coinvolgere mio padre, mi piaceva l’idea di aver un mio biglietto da visita, anche se non ne avevo bisogno. Gli dissi che poteva essergli utile per il suo nuovo studio di pittura. Parlammo ma fu inutile, disse che era troppo presto.

Ritornati alla macchina, ripresi l’argomento: mi piaceva parlare del suo studio di pittura, ricordo il giorno dell’inaugurazione. In realtà mi sarebbe piaciuto parlare tanto tanto con mio padre.

Mio padre ci disse di mettere la cintura di sicurezza, abbozzai che non  era necessario per i passeggeri dietro ma la misi ugualmente, Vittoria riprese a dormire.

Eravamo in corsia di sorpasso vedevo il contachilometri segnare 130.

Un istante dopo, sentii la voce di mio padre forzarsi e in quel momento alzai gli occhi e vidi un’auto venirci incontro, sentii il suono delle urla, un suono che non dimenticherò mai,  mio padre tentò di sterzare a destra ma fu inutile.

Non so quanto tempo passò ma aprii gli occhi, i vetri in bocca mi impedivano di respirare e mi facevano male, il fumo invadeva l’abitacolo, non mi rendevo conto di cosa fosse successo.

Cercai di chiamare i miei genitori e mia sorella, nessuno mi rispose.

I ricordi sono solo delle immagini veloci, come foto istantanee. Estratta dalla macchina dopo qualche istante, senza ancora rendermi conto di cosa fosse successo, sentivo i dolori pervadere il mio corpo, dolori allucinanti, non respiravo.

Ho aperto gli occhi ed ero in un letto di ospedale, girai la testa e a fianco a me vidi mia mamma, dormiva. Un piccolo movimento la svegliò, ci guardammo,  senza parlare; lentamente  girai ancora la testa e vidi un nostro amico, Cesare. Era seduto di fronte e ci guardava, mi disse che mia sorella era in coma.

Non disse null’altro e capii che mio padre era morto.

Il suono delle urla: un suono da cancellare, un suono insopportabile da rimuovere.Ci vuole tempo per riaprire le orecchie  quando la realtà è paura e dolore, perdita inconsolabile, cambiamento traumatico.

Grazie Katia, con queste righe ci dici che viene il momento in cui ci si può ricongiungere al passato e trasformarlo in patrimonio di esperienza,  in dolore possibile, e sbloccare l’angoscia imprigionata dentro di sé.

Per te, scrivere sembra un far ri-esistere chi non si poteva pensare di perdere e che invece è scomparso, nel vuoto, nella colpa, nella paura, all’improvviso, senza avere neppure la consolazione di un saluto. Ricordando, ripensando, l’ hai salutato, gli hai detto il tuo bene e puoi andare avanti ad amare.

 

 

Sostienici

La tua firma per sostenere un malato in più

Devolvi il 5x1000 a La Meridiana

Sostienici con la donazione del 5 x 1000, basta una firma sull’ apposito riquadro della dichiarazione dei redditi e l’ indicazione del codice fiscale della Società Cooperativa Sociale La Meridiana Due n. 08400690155

Anche Tu puoi raccontare una tua esperienza di vita!

Partecipa al progetto editoriale ”Di storia in storia. La collana della vita”.
Una Giuria selezionerà i brani che saranno pubblicati.

Scrivi il tuo amore per la vita a

0 commenti

Invia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Non sai quale sia il servizio giusto per il tuo caro? Affidati al nostro Sportello gratuito, ti aiuteremo a trovare le risposte che cerchi, in breve tempo e senza costi aggiuntivi.

Il Sorriso

Centro di Aggregazione - Monza

CDI Costa Bassa

Centro Diurno Integrato - Biassono

CDI Il Ciliegio

Centro Diurno Integrato - Monza

CDI - AP Maria Bambina

Centro Polifunzionale - Bellusco

AP Oasi San Gerardo

Alloggi Protetti - Monza

AP Ginetta Colombo

Appartamenti Protetti - Cerro Maggiore

Il Paese Ritrovato

Villaggio Alzheimer - Monza

RSA San Pietro

Residenza Sanitaria Anziani - Monza

RSD San Pietro

Residenza Sanitaria Disabili - Monza

Hospice San Pietro

Hospice - Monza


Comunicati

I Comunicati della Cooperativa sui nostri Progetti ed Eventi.

Rassegna Stampa

Cosa dicono di noi? Scopri tutti gli articoli di interesse.

Meridiana Oggi

La nostra Rivista, scaricabile gratuitamente.

ScriverEsistere

La vita vista dagli occhi di chi la vuole vivere

Cosa succede in cooperativa?

Esplora tutte le News


Pubblicazioni

Il materiale prodotto dalla Cooperativa in quaranta anni di attività.

Trasparenza

I documenti pubblicamente disponibili, le Carte dei Servizi e i Criteri delle Liste di Attesa.

Tutto ciò che c'è da sapere sulla Cooperativa

Documenti e Pubblicazioni


La Meridiana SCS

Via Gerardo dei Tintori, 18
20900 Monza (MB)
tel 039.390931
fax 039.3905324
e-mail: info@cooplameridiana.it
Codice Fiscale: 06805780159
Partita IVA: 00837730969

La Meridiana Due SCS

Viale Cesare Battisti, 86
20900 Monza (MB)
tel 039.39051
fax 039.3905324
e-mail: sanpietro@cooplameridiana.it
Codice Fiscale: 08400690155
Partita IVA: 02322460961

Ufficio Stampa

Responsabile: Fabrizio Annaro
Telefono: 334 65 60 576
e-mail: fabrizio.annaro@gmail.com

I nostri Servizi

Visualizza i contatti diretti delle nostre strutture.

Vuoi Lavorare con Noi?

Inviaci il tuo curriculum, ti risponderemo nel minor tempo possibile.

Volontariato

Vuoi donare un'ora del tuo tempo per far felice una persona anziana?


Non Restare Indifferente

Sostienici anche Tu!

Dona Online

Dona attraverso il nostro sito con carta di credito o Paypal in totale sicurezza.

5 x 1000

La Tua firma per sostenere un malato in più!

Agevolazioni

Scopri i vantaggi fiscali della tua donazione!

Scopri la nostra storia d'Amore

Come donare

Conto Corrente Postale

Conto corrente postale n. 2313160
intestato a La Meridiana Due SCS

Conto Corrente Bancario

IBAN:IT87N0521601630000000003717
intestato a La Meridiana Due SCS

Online

Donando mobili e oggetti per le nostre strutture.
SCOPRI COME DONARE